Il gelato secondo noi

Meno ingredienti, più gusto

Per noi, fare un buon gelato significa usare il minor numero possibile di ingredienti, che siano rigorosamente i migliori. Ma come si fa a riconoscere un buon gelato?

28/03/2016

“Il gelato è sempre il gelato” è un’affermazione non del tutto vera, dato che la qualità degli ingredienti è fondamentale per l’esperienza del gusto. Noi ci impegniamo a mettere non solo tutta l’esperienza Rachelli, ma a ricercare costantemente la miglior qualità delle materie prime, senza scendere a compromessi.

Molti gelati sono prodotti con ingredienti aggiuntivi che privilegiano solo il sapore del gelato, a danno della sua naturalità. Ma come si fa a capire subito se abbiamo a che fare con un gelato buono per davvero?

Prima di tutto si deve valutare la corposità della consistenza. Posto che il gelato non va servito appena tirato fuori dal freezer, se tende a sciogliersi subito significa che gli ingredienti non sono ben bilanciati. Al contrario, se non si scioglie affatto vuol dire che probabilmente c’è una discreta concentrazione di additivi.

Il gelato deve avere il sapore del gusto che si sceglie: se il gelato è davvero buono, l’ingrediente che lo contraddistingue sarà facilmente riconoscibile al gusto. Non deve essere né troppo dolce né troppo acido: se si nota acidità, probabilmente non è stato conservato in maniera appropriata, non dimentichiamo che l’ingrediente principale del gelato è il latte.

Attenzione agli sciroppi, perché possono conferire colori e sapori non coerenti con quelli reali. La fragola non può avere il colore del lampone, così come il verde del pistacchio deve essere diverso da quello della menta. Insomma, il gusto si può ingannare fino a un certo punto: il gelato migliore è quello che parla alle vostre papille gustative, senza bisogno di aggiungere altro.

Seguici per restare sempre aggiornato sulle novità e sui nostri nuovi prodotti

  • Facebook
  • Instagram
  • Youtube